sponsor e patrocini del trofeo dossena di crema

NEWS


GIU
20

Trionfo carioca: Flamengo campione nell'edizione dei record

I brasiliani conquistano il titolo imponendosi 3-1 nella finalissima con l'Atalanta: Cremonese e Chievo sul podio, applausi per la Rappresentativa Cremasca


42° TROFEO "DOSSENA"
Crema (CR) - 11-16 Giugno 2018

Classifica Finale:
1° posto: FLAMENGO
2° posto: Atalanta
Semifinali: ChievoVerona, Cremonese
Fase a Gironi: Rappresentativa Cremasca, Genoa, Maribor, Rappresentativa LND

Premi Individuali:
Miglior Giocatore del Torneo: Wendel (Flamengo)
Capocannoniere del Torneo: Peli (Atalanta)
Miglior Portiere del Torneo: Hugo (Flamengo)
Miglior Giocatore della Finalissima: Vitor Gabriel (Flamengo)

Si è chiusa a ritmo di samba la 42^ edizione del Trofeo "Dossena", torneo internazionale di calcio riservato alla categoria Primavera.

I brasiliani del Flamengo si sono aggiudicati il titolo imponendosi nettamente nella finalissima con l'Atalanta: i carioca hanno centrato il prestigioso successo con un 3-1 maturato in rimonta.
Dopo un primo tempo molto equilibrato, in cui sono emerse sia la stanchezza delle squadre, sia il timore di commettere errori con un'elevata posta in palio, nella ripresa il match è letteralmente decollato. Il gol del bergamasco Peli (Capocannoniere del Torneo) aveva portato in vantaggio la Dea, ma la reazione del Flamengo è stata impressionante: Vitor Gabriel ha aperto la strada verso la vittoria con l'immediato 1-1, con l'Atalanta che ha faticato ad arginare l'impeto dei rossoneri.
I carioca hanno sferrato un letale doppio colpo in un finale bollente, in cui non sono mancate scintille: il 2-1 di Wendel (Miglior Giocatore del Torneo, che vanta presenze in prima squadra) e il definitivo 3-1 di Vitor Gabriel (Miglior Giocatore della Finalissima e 4 reti siglate nel torneo come Peli), hanno permesso ai brasiliani di laurearsi campioni.

Applausi per il Flamengo, ma anche per l'Atalanta, allenata da mister Massimo Brambilla, ex tecnico della Pergolettese, e che vanta tra le proprie fila alcuni giocatori del territorio: beffa per l'agnadellese Zanoni, ex Luisiana, scelto per essere tra i titolari della finalissima, ma infortunatosi proprio nel riscaldamento.

Il "Voltini" è stato teatro di grandi sfide anche nelle semifinali: il ChievoVerona aveva brillato con Juwara e Tuzzo, salvo poi essere eliminato dal Flamengo ai calci di rigore dopo il 2-2 dei tempi regolamentari; stesso destino per la Cremonese, trascinata dai gol di Spaviero e Viola, ma fermata ai rigori dal portiere dell'Atalanta Piccirillo, superlativo nella sfida dagli undici metri e non solo.

La grande protagonista della Fase a Gironi, senza dubbio, è stata la Rappresentativa Cremasca di mister Dario Hubner: la selezione locale ha brillato per organizzazione tattica e qualità individuali dei ragazzi, a testimonianza del fatto che nel nostro territorio ci sono molti giovani di livello e pronti ad affermarsi su importanti palcoscenici. La beffa per la mancata qualificazione alle semifinali, sfiorata solo per un gol, non cancella le grandi prestazioni con Flamengo e Genoa, ma soprattutto la netta vittoria per 3-1 nel derbyssimo con la Cremonese: grandi!

Meno fortunate le partecipazioni della Rappresentativa Nazionale LND e del Genoa, che però hanno messo in mostra giovani di prospettiva, nonché del Maribor, che ha pagato nel corso del torneo alcuni imprevisti infortuni e assenze.

Al triplice fischio della finalissima, cala il sipario sul Trofeo "Dossena": un'edizione da record per numero complessivo di spettatori, per numero di gol segnati e anche per l'attenzione mediatica raccolta dai social e dai media locali, nazionali e internazionali.
Un torneo che non passa mai di moda e che saprà confermarsi e rinnovarsi anche il prossimo anno: ad maiora!